martedì 15 maggio 2012

Palle in canna (1993)

Scorrendo le pagine del Bollalmanacco mi sono resa conto che mancano recensioni su pellicole dichiaratamente demenziali. Rimedio oggi alla mancanza, parlando di Palle in canna (National Lampoon’s Loaded Weapon 1), diretto nel 1993 da Gene Quintano.


Trama: gli agenti Colt e Luger, l’uno scapestrato, l’altro ligio alle regole, devono smantellare un’organizzazione che riesce a smerciare cocaina… trasformandola in biscotti delle Giovani Castorine.

"Wiilderness Guuurls!" Questa immagine vale da sola l'intero film. Comunque.
 Noi mocciosi degli anni ’80 siamo cresciuti con film storici (e storicamente dementi) come le serie di Una pallottola spuntata, Scuola di polizia e Hot Shots!, tutte supercazzole esilaranti e completamente folli che, ancora adesso, è impossibile non citare praticamente a memoria. Questo Palle in canna era arrivato un po’ fuori tempo massimo ed è sicuramente inferiore ai titoli che ho citato, ma quanto a demenza non scherza neppure lui, ed è particolarmente apprezzabile per la marea di grandissimi attori chiamati a recitare parti più o meno importanti all’interno della pellicola. La trama, ovviamente, è un pretesto per prendere in giro innanzitutto la serie Arma letale, con gag che riprendono direttamente alcune storiche sequenze dei film con Mel Gibson (una su tutte: la camminata nudo al chiaro di luna o quella in cui Samuel L. Jackson è seduto sulla tazza del cesso), mescolandole con “omaggi” ad altri film di genere che prevedono un eroe provato dalla vita e dall’amore, ormai disilluso, possibilmente alcolizzato e  pronto a vivere ai margini della legge, ovviamente affiancato dal poliziotto perfettino, una gnocca paurosa e legata al supercriminale di turno, ambigui testimoni, scagnozzi sacrificabili, esplosioni come se piovessero e capi urlanti.


Più di altri film simili, però, questo Palle in canna si distingue per la serie davvero ininterrotta di gag. Non c’è un solo momento in cui, anche solo sullo sfondo, non succeda qualcosa di assurdo, né dialoghi che non siano basati sul nonsense assoluto: insomma, un’ora e mezza di follia completa, sulla quale è abbastanza duro fare una critica prettamente cinematografica, anche perché visivamente non è granché come film. Per quanto riguarda gli interpreti, però, c'è da dire che Palle in canna da parecchie soddisfazioni. Abituati come siamo a vedere Samuel L. Jackson calato nel ruolo di badass per eccellenza, assistere alle buffissime smorfie che fa nel film è semplicemente esilarante e più di una volta il buon Sam ruba la scena all'inespressivo Emilio Estevez; a questo si aggiungono anche un Tim Curry con l'accento tedesco (o austriaco, chissà!!) e la parrucchetta bionda da giovane castorina poco meno che leggendario e un William Shatner in formissima nei panni del supervillain talmente cattivo da riuscire persino a mangiarsi dei piranha vivi. Se a questo aggiungiamo anche un' "inquadratura gratuita della topa" (che torna sul finale per agitarsi sulle note di Bohemian Rhapsody dei Queen), l'esilarante confronto tra due pezzi da novanta come Tim Curry e Woopi Goldberg, il General Mortars confuso col General Motors, la faccia di Luger quando Colt gli racconta del suo rapporto con la "partner" Claire (si sentiva esclusa e mi ha fatto i bisogni nelle scarpe), gli errori sintattici di Becker, la metamorfosi di Destiny e mille altre trovate geniali, è ovvio che Palle in canna diventa un film da vedere almeno una volta nella vita.

Ma anche questa non scherza. Notare la parrucca della Goldberg!!

Di Samuel L. Jackson (Wes Luger), Tim Curry (Jigsaw), Lin Shaye (è la testimone che “incastra” Mr. Potato), Woopi Goldberg (Sergente York), Bruce Willis (il tizio con la roulotte sbagliata), Corey Feldman (poliziotto giovane), ho già parlato nei rispettivi link.

Gene Quintano è il regista della pellicola, al suo terzo film. Molto più famoso come sceneggiatore (suoi capisaldi della commedia demenziale come Scuola di polizia 3 e 4), anche produttore, attore e assistente alla regia, ha 66 anni.


Emilio Estevez interpreta Jack Colt. Figlio di Martin Sheen e fratello di Charlie Sheen, lo ricordo per film come I ragazzi della 56esima strada, Breakfast Club, Brivido, Cuba Libre – La notte del giudizio, Mission: Impossible e serie come Two and a Half Men. Anche regista, sceneggiatore e produttore, ha 50 anni.


Jon Lovitz (vero nome Jonathan M. Lovitz) interpreta Becker. Americano, ha partecipato a film come Big, Ho sposato un’aliena, Ragazze vincenti, Scappo dalla città 2, Matilda 6 mitica, Rat Race e doppiato Fievel conquista il West oltre ad alcuni episodi de I Simpson; ha anche partecipato alle serie Friends e Two and a Half Men. Anche sceneggiatore e produttore, ha 55 anni e quattro film in uscita. 


William Shatner interpreta il General Mortars. Attore canadese universalmente conosciuto come Capitano Kirk della serie Star Trek, ha partecipato a film come L’aereo più pazzo del mondo.. sempre più pazzo, Osmosis Jones, American Psycho II, Dodgeball e a serie come Alfred Hitchcock presenta, Ai confini della realtà, Missione impossibile, Colombo, Hercules e Una famiglia del terzo tipo (dove ha interpretato il fantomatico e più volte nominato Grande Capoccione Gigante). Anche sceneggiatore, produttore, regista e compositore, ha 81 anni.


F. Murray Abraham (vero nome Fahrid Murray Abraham) interpreta Harold Leacher. Americano, ha partecipato a film come Serpico, Tutti gli uomini del presidente, Scarface, Amadeus (che gli è valso l’Oscar come miglior attore protagonista), Il nome della rosa, I promessi sposi, Il falò delle vanità, Last Action Hero – L’ultimo grande eroe, Mimic e I 13 spettri, oltre a serie come Il tenente Kojak. Ha 63 anni e cinque film in uscita. 


Charlie Sheen (vero nome Carlos Irwin Estevez) interpreta il parcheggiatore. Fratello di Emilio Estevez e figlio di Martin Sheen, lo ricordo per film come Platoon, Wall Street, Ore contate, Hot Shots!, Hot Shots! 2, I tre moschettieri, Essere John Malkovich, Scary Movie 3 e 4, Wall Street: Il denaro non muore mai e per aver partecipato alle serie Friends e Two and a Half Men. Anche sceneggiatore, produttore e regista, ha anni e un film in uscita.


Incalcolabile la marea di guest star che compaiono solo per una battuta o poco più: tra quelle che ho riconosciuto segnalo James Doohan, che riprende il ruolo “trekkiano” di Scotty per aggiustare la macchina del caffè all’interno della stazione di polizia, Denis Leary, che presta la voce alla tigre Diego della serie L'era glaciale, nel ruolo di Mike McCracken, Denise Richards (ex moglie di Charlie Sheen e interprete di Sex Crimes e Starship Troopers) nei panni di una delle Judy, i Chips Erik Estrada e Larry Wilcox nei panni di se stessi e Christopher Lambert come passante in macchina. Il film in originale si intitola Loaded Weapon 1, perché era già in progetto di dotarlo di un seguito… quando però il film ha incassato poco, non se n’è fatto più nulla. Se comunque, a dispetto degli incassi, il film vi fosse piaciuto, vi consiglio di recuperare la trilogia de Una pallottola spuntata, Starsky & Hutch e anche il recente e divertentissimo Red. ENJOY!!


16 commenti:

  1. Dovrei rivederlo!!!!!!!
    Ma ho bei ricordi........
    Il titolo ricorda "Colpo in Canna" con Lino Banfi e Ursula Andress, altro film divertente!!!!!!
    Estevez inespressivo? Ma non tanto....
    forse però il suo culo era più espressivo! :)
    Buonanotte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, diciamo che Estevez per il ruolo che ha è perfetto, però secondo me il fratello come attore è migliore ^__*
      Quanto a Colpo in canna, mi manca!!

      Elimina
  2. oddio che figata Palle in canna!
    devo rivederlo al più presto... un film mitico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha lo sapevo che qualche fan di questa supercazzola in giro per il web c'era! :P

      Elimina
    2. Probabilmente l'abbiamo visto perchè siamo nati nei primi anni 80 o prima....
      io sono dell'81 per esempio......
      un altro film di quel genere che ricordo non proprio bene è "Il mistero del bidone giallo".....o un titolo del genere....
      Ciao!

      Elimina
    3. Dovrebbe essere Il giallo del bidone giallo, sempre con Emilio Estevez. Sempre sentito nominare ma mai visto, nemmeno quello!

      Elimina
  3. Palle in canna...che ricordi! la topa fumante! ehm...beh per me questo film fa parte della schiera "film del cuore" lo so a memoria e ogni volta mi fa piegare.
    Scoprire che Emilio Estevez a 50 anni per me è stato un colpo non da poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh povero patatone, invecchia anche lui! :PP
      Ecco come si chiamava, la topa fumante!!! In inglese è semplicemente "beaver", quindi non lo ricordavo.

      Elimina
  4. Ok, arriviamo, con questo film da registrare, a quasi 700 film da vedere. Ne parli benissimo, io sono fuori tempo massimo da un pezzo, ma tutti c'hanno una trilogia del genere, una saga che ci accompagna con risate immotivate negli anni in cui sono necessarie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, ti va bene che questo è un film unico e senza seguiti ^__*
      Ammazza, però... quasi 700 film da vedere mi da l'idea che non basti una vita!!

      Elimina
    2. Se mi impegno li faccio fuori in un anno. Ho visto Palle in canna, ma ogni tanto ci vuole qualche parodia, e la presa in giro di Arma letale, saga che so a memoria e non avevo voglia di rivedere per il blog, mi attrae tantissimo.

      Elimina
    3. Complimenti per la costanza, allora ^__*
      Fammi sapere la tua opinione una volta che lo avrai visto!

      Elimina
  5. visto al cinema,divertentissimo eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vederlo al cinema dev'essere stata un'esperienza!! *_*

      Elimina
    2. C A P I S A L D O
      C A P O L A V O R I S T C O
      Monumentale.

      Ecco

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...