mercoledì 22 novembre 2017

C'era una volta in Messico (2003)

Non c'è mica solo Netflix, sapete. Amazon Prime Video ha un catalogo più ridotto e meno indipendente/cool ma qualcosina si trova, per esempio C'era una volta in Messico (Once Upon a Time in Mexico), diretto e sceneggiato nel 2003 dal regista Robert Rodriguez.


Trama: El Mariachi, in cerca di vendetta per la morte di moglie e figlia, si trova coinvolto nelle macchinazioni di un agente della CIA e in una storia fatta di boss mafiosi, colpi di stato e presidenti da uccidere...



In quel lontano novembre del 2003, ricordo ancora, in sala c'ero solo io. Non avevo trovato nessuno che mi accompagnasse a vedere C'era una volta in Messico, miracolosamente arrivato anche a Savona, e io, all'epoca ancora folgorata da Dal tramonto all'alba e preda di un amore folle per tutto ciò che riguardava Tarantino e i suoi simpatici amici, non potevo sopportare l'idea di non vedere l'ultima fatica di Rodriguez. Adesso, forse forse, mi farei un po' due conti in tasca. Rodriguez è ancora un bambino mai cresciuto, capace di regalare incredibili gioie allo spettatore disposto a farsi prendere in giro ma anche tantissima camurrìa derivante proprio da quell'incontenibile entusiasmo che palesemente lo prende ogni volta che si siede dietro la macchina da presa; detto questo, il nostro non azzecca un film da almeno dieci anni (Machete e Machete Kills li ho amati ma mi rendo conto che quello non è cinema) e guardando oggi C'era una volta in Messico si avverte già quel sentore di declino concretizzatosi in supercazzole e omaggi ai film di serie Z che sanno tanto di scusa per celare una fondamentale incapacità di essere Autore "serio". Nonostante tutto, io voglio un sacco bene a Rodriguez, intendiamoci, proprio per l'entusiasmo fracassone che mette nella realizzazione di ogni suo film e per la sua voglia di sperimentare sempre e comunque, tuttavia con C'era una volta in Messico il regista e sceneggiatore si è andato ad impelagare in un'impresa che meritava semplicità e tamarreide (ribadisco: Machete), non un plot a base di spie, doppiogiochisti e colpi di stato. Al culmine di una trilogia discontinua come quella del Mariachi (talmente discontinua che il regista non ricordava neppure che il personaggio di Cheech Marin fosse morto in Desperado, cosa che lo ha costretto a rivedere lo script e cambiarlo) Rodriguez fa del personaggio il salvatore della Patria, figura violenta ma pura capace di guardare oltre la corruzione serpeggiante in ogni angolo di Messico e portare la giusta revolución a suon di schitarrate e pistolettate. Il problema è che il personaggio di Sands, agente CIA, ruba la scena al Mariachi depresso più di una volta e, ancora peggio, viene utilizzato come un fastidioso latore di caos attraverso il quale vengono introdotti i più disparati personaggi, tutti ugualmente privi di carisma e abbozzati alla bell'e meglio, incapaci persino di fissarsi nella memoria dello spettatore per le loro caratteristiche trash/weird. Il che, mi spiace, ma dal regista e sceneggiatore che mi ha regalato Machete e Sex Machine (solo per citarne un paio) proprio non lo accetto.


Sarà che ormai Johnny Depp mi è inviso? Può essere benissimo, visto che Sands avrebbe tutte le carte in regola per qualificarsi come personaggio cult e invece la vista della faccetta da caSSo dell'attore (non ancora preso dalla sindrome di Sparrow, questo almeno glielo concedo) mi faceva venire voglia di prenderlo a pugni nonostante il linguaggio colorito e le braccia finte, tanto che solo nel prefinale, bardato con occhiali da sole e sangue a nascondergli il volto a mo' di novello Corvo, sono riuscita finalmente ad apprezzare Sands come meritava. Rimanendo in tema attori, Rourke e Dafoe sono un assurdo spreco di potenziale (il primo, col cagnusso, poteva fare molto meglio), la Mendes una cagnaccia inqualificabile (degnamente accompagnata da Enrique Iglesias e Marco Leonardi, due gatti di marmo) e persino faccette amate come quelle di Danny Trejo e Cheech Marin questa volta non bucano lo schermo. Meglio piuttosto l'accoppiata Banderas/Hayek o lo spettacolo del Mariachi in solitario, visto che il buon Antonio era ancora ai tempi in cui non veniva preso per il chiulo da galline e mulini: gli stunt dell'attore sono una gioia per gli occhi, basti solo pensare alla tamarrissima scena iniziale, alla sparatoria in chiesa, alla rocambolesca fuga dall'hotel incatenato ad una Hayek particolarmente sboccata... peccato solo per la decisione del regista di riempire il film di effetti digitali all'epoca all'avanguardia ma che probabilmente hanno ormai cominciato a soffrire un po' l'usura del tempo. Non che mi dispiaccia vedere proiettili che fanno letteralmente esplodere i corpi spillando ettolitri di sangue o roba che salta in aria senza un perché ma talvolta il risultato è talmente posticcio da andare persino oltre lo stile cartoonesco di Rodriguez. A compensare il tutto ci sono comunque una bellissima fotografia ricca di colori caldi, un montaggio serratissimo e, soprattutto, la colonna sonora, degna compagna delle imprese di un Mariachi che sembra quasi essere killer per caso, più interessato a tamburellare le dita sulla chitarra e cavarne evocative melodie (ma che brividi mi ha dato sentire le note di quella Malagueña appena accennata?) oppure a danzare come un ballerino di flamenco. Insomma, purtroppo tra me e C'era una volta in Messico non è più amore come un tempo ma comunque un po' di affetto c'è ancora.


Del regista e sceneggiatore Robert Rodriguez ho già parlato QUI. Antonio Banderas (El Mariachi), Salma Hayek (Carolina), Johnny Depp (Sands), Mickey Rourke (Billy), Eva Mendes (Ajedrez), Danny Trejo (Cucuy), Cheech Marin (Belini) e Willem Dafoe (Barrillo) li trovate invece ai rispettivi link.

Marco Leonardi interpreta Fideo. Australiano, ha partecipato a film come Nuovo Cinema Paradiso, La sindrome di Stendhal, Dal tramonto all'alba 3 - La figlia del boia e a serie come Elisa di Rivombrosa e Don Matteo. Ha 46 anni e sei film in uscita.


Rubén Blades interpreta Jorge FBI. Nato a Panama, ha partecipato a film come Predator 2, Il colore della notte, L'ombra del diavolo, The Counselor - Il procuratore e a serie quali X-Files e Fear the Walking Dead. Ha 69 anni ed è anche compositore e sceneggiatore.


Il cantante Enrique Iglesias, che interpreta Lorenzo, era già comparso, non accreditato, in Desperado. Johnny Depp è riuscito a completare tutte le sue scene in otto giorni ma siccome voleva rimanere ancora sul set Rodriguez gli ha fatto interpretare anche il prete con cui parla El Mariachi prima della sparatoria in chiesa; il ruolo di Johnny Depp comunque era stato pensato per George Clooney, già diversamente impegnato (probabilmente sul set di Ocean's Eleven, La tempesta perfetta o Fratello, dove sei?, chissà), mentre per l'aMMore Quentin (ringraziato nei nei titoli di coda in quanto fonte d'ispirazione del film) era pronto quello di Cucuy, al quale il regista ha dovuto rinunciare perché preso dalla realizzazione di Kill Bill. Detto questo, C'era una volta in Messico è il momentaneamente ultimo capitolo di una trilogia che comprende El Mariachi e Desperado, quindi se vi fosse piaciuto recuperateli e aggiungete Machete, Machete Kills e Dal tramonto all'alba. ENJOY!

16 commenti:

  1. Nulla di eccezionale...ma Rodriguez non è mai stato unnregista sobrio che dirige con il frac. Visto due volte non ci ho trovato niente di male e gli interpreti sono stati tutti credibili. La giusta conclusione del suo trittico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Rodriguez è sempre stato un grezzone però riguardando C'era una volta in Messico mi sono resa conto che forse il gioco cominciava già all'epoca a stancare. Detto questo, meglio un C'era una volta in Messico di 20 seguiti di Sin City!

      Elimina
  2. Ma a Salma Hayek non si può non volergli bene sempre, anche per questo film ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salma Hayek dea sempre e comunque :)

      Elimina
  3. La penso come te su Rodriguez, non si può non volergli bene per cose come "Dal Tramonto all'Alba", però obiettivamente è dai tempi di "Machete" che pare in piena caduta libera.
    Mi auguro di ricredermi presto, anzi prestissimo, il prima possibile....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io più che Machete non gli ho perdonato Sin City 2. Quella era veramente una vaccata. I due Machete vanno presi per quello che sono ma sì, da quelli a Dal tramonto all'alba c'è un abisso...

      Elimina
  4. Marco Leonardi è stato un cattivo anche in Squadra Mobile XD
    Cooomunque, devo dire la verità: questo è quello che mi è piaciuto meno della trilogia del mariachi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh belin, Squadra mobile non lo guardo, chiedo umilmente perdono XD
      A me è piaciuto tantissimo il secondo (potere di Quentin?), il primo sinceramente non lo ricordo.

      Elimina
  5. Sai, proprio l'altro giorno stavo pensando di rivedermi la Trilogia del Mariachi. Lo vidi da regazzino, ora ricordo poco. Ricordo che all'epoca rimasi colpito dal personaggio interpretato da Johnny Depp. Qua sono di parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò che all'epoca aveva colpito molto anche me. Ora invece ho la nausea di Depp, santo Cielo.

      Elimina
  6. Un po' sopravvalutato, anche io gli ho preferito sia il primo (El Mariachi, fatto con due lire, da recuperare sicuramente!) che il terzo della trilogia. Al tempo mi piacque molto, poi molto meno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i primi due hanno tutto un altro spirito. Però, alla fine, si vuol bene anche a questo!

      Elimina
  7. Rodriguez mi piace molto così come la trilogia de El Mariachi ma dovrei rivederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rodriguez se non torna a fare film come si deve merita solo coppini sulla nuca!

      Elimina
  8. Il Mariachi di Banderas/Rodriguez è l'eroe pop a cavallo tra i '90 e i 2K. Io lo trovo ancora tamarro e irresistibile. Al tempo dopo averlo visto al cinema acquista pure la colonna sonora. Per me questa trilogia è goduria pura, nonostante si stia parlando di baracconi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per carità, alla trilogia sono affezionata anche io. La colonna sonora l'avevo comprata di Dal Tramonto all'alba, non di C'era una volta il Messico :P

      Elimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...