sabato 19 luglio 2008

Wanted (2008)

Ogni tanto ci vuole la rinfrescatina al Bollalmanacco. Speravo di poter parlare di Funny Games, vecchio o nuovo che sia, e invece tocca parlar di quella bestemmia che è stata la vista di Wanted del misconosciuto regista Timur Bekmambetov (salute!).



Questo banale e fracassone filmetto, è tratto dalla splendida Graphic Novel omonima di Mark Millar, uno degli autori di comics più cool che ci sia in circolazione (basti pensare che il mega crossover Civil War, della Marvel, è opera sua). Splendida opera alla quale, purtroppo, il film rimane fedele solo nella prima mezz'ora. Infatti l'originale parla di un mondo dove i SUPERcriminali hanno eliminato gli Eroi, e governano di nascosto una realtà che è assolutamente ignara di un passato colmo di "Meraviglie". Un mondo privo di morale, dove questa confraternita spadroneggia violentando, uccidendo, massacrando per divertimento più che per necessità, senza che nessuno possa alzare un dito per fermarla.


La storia è questa: Wesley Gibbons (James MacAvoy), prototipo dell'uomo medio americano, con un lavoro frustrante, una fidanzata che gli fa le corna col suo migliore amico e una serie di problemi psicosomatici da primato, un giorno scopre di essere il figlio del miglior Killer esistente al mondo, appena fatto fuori da un traditore dell'Organizzazione per cui lavorava, la Confraternita. Fox (Angelina Jolie) e Sloane (Morgan Freeman), membri della stessa confraternita, decidono di allenarlo e trasformarlo nel migliore dei Killer per consentirgli di vendicarsi e di riscattare la Confraternita.


Il film in sé, almeno nella prima ora, non è malaccio: zeppo di effetti speciali, di inseguimenti mozzafiato, di scelte stilistiche assai interessanti. Da parte mia, ho adorato la scena in cui Wesley, finalmente deciso a liberarsi della sua vita opprimente, manda a farsi fottere (Fuck You) la grassissima capufficio e l'amico traditore, spaccando sulla faccia di quest'ultimo la tastiera che, rompendosi, mostra allo spettatore la scritta FUCK YOU fatta con i tasti e il dente che l'amico fedifrago perde. Anche l'ansia apparente di Wesley, che ci mostra un mondo al ralenti, confuso, chiassoso, è decisamente apprezzabile, così come alcuni sprazzi di volontaria ironia.



Il resto, mi spiace ma è fuffa della peggior specie. Distaccandosi così completamente dalla Graphic Novel che è quanto di più crudele, cinico e divertente possa trovarsi sul mercato dei Comics, vengono meno i presupposti della trama ed occorre inventarsene un'altra per l'occasione. Purtroppo però, lo scopo della Confraternita, che nel Comic è ben definito e comprensibile, nel film diviene mero pretesto: cos'è la Confraternita, a cosa serve, ma soprattutto: perché mai dei criminali devono prendere ordini da un TELAIO?? Che lo chiamino "Fato", scomodando addirittura le Parche del mito, questa svolta della trama è quanto di più campato in aria ci sia al mondo, ricorda degli episodi di Alias privi però della ferrea logica che contraddistingueva la serie. Inoltre viene meno anche il rozzo cinismo dell'opera di Millar, banalizzando il cambiamento interiore di Wesley e focalizzandolo in una vendetta giusta e "filiale", priva di autocompiacimento per la violenza e l'amoralità a cui il protagonista si vota. Quanto al "colpo di scena" di metà film, è svalutato fin dai tempi di Guerre Stellari.


Il regista di questo filmaccio è Timur Bekmanmetov, mestierante russo poco conosciuto in Italia, seppur sia autore di una famosa serie di film sui vampiri, Daywatch e Nightwatch (da non confondere con il film più conosciuto che parla del guardiano notturno di una morgue). Ha 47 anni e un film in uscita.



Protagonista della pellicola è James McAvoy nel ruolo di Wesley Gibson. Lo scozzesino interpretava il fauno Mister Tumnus ne Le Cronache di Narnia. Caruccetto, ma inadatto ad un personaggio così cool. Ha 29 anni e un film in uscita.




Angelina Jolie Pitt interpreta Fox, la criminale che educa Wesley (nel comic l'educazione comprende anche quella sessuale. Peccato per i fan della Jolie, qui si limita solo a un casto bacio e a un nudo in controfigura). Ormai più famosa per la sua relazione con Brad Pitt che per i suoi film che sono sempre più commerciali, figlia d'arte (il papà è nientemento che Jon Voight) un tempo era la moglie di attori VERAMENTE con le palle, come Johnny Lee Miller (Sick Boy in Trainspotting) e Billy Bob Thornton. Tra i suoi film più famosi, Il collezionista d'ossa, Ragazze interrotte(che le fruttò un oscar come miglior attrice non protagonista), Tomb Raider, Shark Tale (in originale da la voce alla pesciolina sexy Lola), e Beowulf. Ha 32 anni e due film in uscita.




Morgan Freeman, il grande vecchio del cinema USA, interpreta Sloane, personaggio che ricalca quello del Professore nella Graphic Novel. I film più famosi di questo grande attore sono Ai Confini della realtà, A spasso con Daisy, Il falò delle vanità, Robin Hood - Principe dei ladri, Le ali della libertà, Se7en, Il collezionista, L'acchiappasogni, Una settimana da dio, Million Dollar Baby (dove ha vinto un Oscar come miglior attore non protagonista) Batman Begins. Ha 61 anni e 5 film in uscita.



Più che con un video di Youtube vorrei concludere in bellezza con l'intera Graphic novel ma, ahimé, è impossibile farlo. Quindi consiglierei solo di procurarsela e leggerla: i 10/12 euro meglio spesi della vostra vita!!


 

4 commenti:

  1. utente anonimo19 luglio 2008 16:37

    Tesora, te l'ho detto.. io il fumetto non l'ho letto, ma il film - finale a parte - non mi è affatto dispiaciuto : P

    L'immagine della tastiera sui denti all'amico che ci dava dentro alla grande con la fidanzata del protagonista sfigato è da oscar... una di quelle scene E-PI-CHE che non possono essere scordate! XD

    E dell'Angelina si può dire tanto, ma la sua porca figura nel film ce la fa... in tutti i sensi XD


    Ma consolati, dai... per come l'hanno impostato, è certo (o quasi? o.O) non ci sarà seguito alcuno, ghgh..

    Bella recensione.. cinica e spietata al punto giusto XD



    Reevo

    RispondiElimina
  2. utente anonimo19 luglio 2008 16:41

    Io mi sogno la notte il Telaio, con le sue trame ed orditi che si intersecano in modo tale da essere letti seguendo il codice binario....: trama? ordito? codice binario? TELAIO? MA CHE CAZZO DI FILM SONO ANDATO A VEDEREEEE???? Ma perchè mai un gruppo di debosciati, autoproclamatosi affine agli dèi, dovrebbe prendere ordini da un telaio? che tra l'altro tesse alla cazzo? In realtà i quesiti legati a questo film sarebbero mille ma se me li ponessi tutti credo che mi esploderebbe la testa, principalmente perchè non otterrebbero mai una risposta coerente. L'unica risposta valida per tutte le mie domande è: tutto quello che accade nel film avviene semplicemente perchè la trama è una puttanata mostruosa. Quindi Gian: smettila di porti domande! Non sforzare i tuoi poveri e già deboli neuroni! E proclama Wanted "puttanata". Senza aggiungere altro. Pensavo che Shyamalan (o Sciabadà, yabbadabbadà) con le sue scatole di cereali avesse toccato il fondo ma evidentemente mi sbagliavo... Nel prossimo film i protagonisti prendereanno ordini dalle loro evacuazioni intestinali, basandosi su grandezza, colore ed odore, e trasformando questi dati in lettere runiche a loro volta mutuate da caratteri cuneiformi per giungere infine all'alfabeto latino. Bisognerebbe spezzare falangi, falangine e falangette a gran parte degli sceneggiatori hollywoodiani ed internare certi registi.

    RispondiElimina
  3. utente anonimo19 luglio 2008 17:52

    Beh... Boh... Mah...
    Il beh è naturalmente per angelina e per gli isneguimenti che sono fatti bene ma un tantino esagerati
    Il boh è per il telaio che è veramente la cosa che ha fatto perdere qualsiasi barlume di credibilità ad un film. Sembra quasi che l'abbiano messo così tanto per fare. Sceneggiatore 1:"Cavoli, siamo senza motivo per far uccidere la gente dai killer..." Sceneggiatore 2: "Dai! Usiamo il telaio che non l'hai mai usato nessuno! Però un telaio fa troppo antico, facciamolo scrivere in codice binario!"
    Ora è anche presente una vitosa incongruenza: i telai meccanici esistono dall'Ottocento, rivoluzione industriale, la Confraternita dal mille anni. Sicuramente la risposta migliore che mi viene in mente è che il telaio del Fato sia stato creato dagli alieni.
    Mah è il commento che mi è uscito dalla bocca alla fine del film.
    Cmq grande Erika, il bollalmanacco è risorto!!

    RispondiElimina
  4. ho visto questo film qualche mese fà, non è sicuramente credibile, molte cose sono esagerate ma alcuni pezzi di inseguimenti e sparatorie son fantastici...E la rivincita dello "sfigatello" su tuttti quelli che si approfittavano di lui!

    RispondiElimina

Se vuoi condividere l'articolo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...